Nei primi giorni dell'anno abbiamo visto l'anticiclone cedere il campo alla prima irruzione fredda della stagione e vissuto il ritorno delle precipitazioni. Come proseguirà ora il mese di Gennaio? Ecco una breve analisi di ciò che potrebbe accadere nei prossimi 15 giorni, considerando sempre che non si tratta di una previsione, bensì di una tendenza che perde affidabilità con l'aumentare dei giorni.



La settimana in corso sarà caratterizzata da un costante afflusso di aria umida dai quadranti meridionali, che determinerà precipitazioni al centrosud e nuvolosità variabile al nord con qualche debole fenomeno sull'arco alpino.

Dal prossimo weekend si aprirà una fase di maltempo, con una serie di perturbazioni atlantiche che porteranno abbondanti precipitazioni sulla nostra provincia. La neve tornerà a cadere copiosa su Alpi e Prealpi, con accumuli consistenti oltre i 1500 metri in fascia alpina, oltre i 1700 metri in fascia prealpina.
Incomincia a delinearsi poi per metà mese una nuova irruzione fredda per la nostra penisola, innescata dalla risalita verso nord del promontorio anticiclonico atlantico, che causerebbe la discesa di aria artica verso il Mediterraneo. Il vortice polare verrà indebolito dalla risalita di un area di alta pressione dal pacifico, che si instaurerà in sede artica e potrebbe determinare un forte raffreddamento dell'area mediterranea nella terza decade del mese.